Consulenza informatica in marketing web, networking e computer

Mappare le unità di rete dal prompt dei comandi in Windows (CMD)

0 34

Mappare un’unità di rete a una cartella condivisa dall’interfaccia grafica di Windows non è difficile. Ma se conosci già il percorso di rete per la cartella condivisa, puoi mappare le unità molto più rapidamente utilizzando il prompt dei comandi.

La mappatura di un’unità a una condivisione di rete assegna a quella condivisione una lettera di unità in modo che sia più facile lavorarci. Useremo il  net use comando nel prompt dei comandi per mappare un’unità di rete per questo tutorial. Puoi anche usare lo stesso comando in PowerShell se preferisci.

Per mappare un’unità di rete, digita il seguente comando e poi premi Invio:

net use DRIVE: PATH

DRIVE è la lettera di unità che si desidera utilizzare e PATH è il percorso UNC completo della condivisione. Quindi, ad esempio, se volessimo mappare la lettera di unità S alla condivisione \\nas\video, dovremmo utilizzare il seguente comando:

net use s: \\nas\video

Se la condivisione a cui ti stai connettendo è protetta con una sorta di autenticazione e preferisci non digitare le credenziali ogni volta che apri l’unità di rete, puoi aggiungere il nome utente e la password al comando con il parametro /user: . Ad esempio, se volessimo connettere la stessa condivisione sopra riportata, ma con il nome utente mandaz e la password WwWmAnDaZ.cOm , dovremmo utilizzare il comando:

net use s: \\nas\video /user:mandaz WwWmAnDaZ.cOm

Per impostazione predefinita, le unità mappate non sono persistenti. Se mappiamo le unità utilizzando i comandi di cui abbiamo parlato finora, le unità mappate scomparirebbero quando riavvii il computer. Se preferisci che quelle unità mappate rimangano in giro, puoi renderle persistenti utilizzando il parametro /persistent . Il parametro funziona come un interruttore:

  • / persistent: yes: rende persistente la connessione che stai attualmente creando. Anche le connessioni future effettuate utilizzando il comando durante la stessa sessione sono persistenti (non è necessario continuare a utilizzare lo switch) fino a quando non lo si utilizza  /persistent:No per disattivarlo.
  • / persistent: No:  disattiva la persistenza. Le connessioni future che fai non sono persistenti fino a quando non riattivi l’interruttore.

Quindi, in sostanza, potresti digitare qualcosa come il seguente comando:

net use s: \\nas\video /user:mandaz WwWmAnDaZ.cOm /persistent:yes

E la mappa delle unità sarebbe persistente. Anche tutte le mappature future che crei (anche se non utilizzi l’opzione  /persistent:Yes ) saranno persistenti finché non la disattivi utilizzando con il parametro /persistent:No.

Se hai bisogno di eliminare un’unità di rete mappata, tutto ciò che devi fare è specificare la lettera dell’unità e aggiungere l’opzione /delete. Ad esempio, il seguente comando eliminerebbe la mappatura dell’unità che abbiamo assegnato all’unità S:

net use s: /delete

Puoi anche utilizzare l’asterisco come carattere jolly se desideri eliminare tutte le unità mappate in una volta sola:

utilizzo netto * /delete

E questo è tutto quello che c’è da fare. Una volta che ti sarai abituato a usare il comando, lo troverai molto più veloce che fare clic sull’interfaccia di Esplora file, specialmente se lavori spesso con unità mappate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.