Consulenza informatica in marketing web, networking e computer

ReFS Resilient File System

0 440

Cos’è ReFS (Resilient File System)?

Prima di trovare le differenze tra i due file system, impariamo brevemente su ReFS e la sua sequenza temporale di sviluppo. ReFS o Resilient File System è un file system proprietario sviluppato da Microsoft. È stato concepito per sostituire il popolare file system di Microsoft NTFS (New Technology File System). In effetti, ReFS è stato aggiunto per la prima volta a Windows Server 2012 e successivamente a Windows 8.1 nel 2016. Tuttavia, il supporto ReFS è stato rimosso da Windows 10 nel 2017 Fall Creators Update.

Sembra che Microsoft stia nuovamente testando ReFS su Windows 11. Con la build di Windows 11 21H2 (22557) il supporto di avvio di ReFS v3 è stato aggiunto a Windows 11. Ma cos’è ReFS e in che modo è migliore di NTFS? Per rispondere brevemente alla domanda, ReFS è stato progettato per migliorare le carenze del popolare file system NTFS. ReFS può gestire comodamente dati di grandi dimensioni, include funzionalità integrate per correggere gli errori ed evitare il danneggiamento dei dati, offre l’integrità dei dati al volo e può funzionare meglio in alcuni scenari.

Come funziona ReFS di Microsoft?

ReFS utilizza una strategia di allocazione su scrittura (chiamata anche copy-on-write) per i metadati per evitare il danneggiamento dei dati durante un arresto imprevisto. In una singola istruzione, può leggere e scrivere dati su file, riducendo le operazioni di input e output del disco e riducendo l’utilizzo del disco, la memoria e il consumo energetico.

NTFS vs ReFS: differenze nelle caratteristiche principali

Resilienza alla corruzione dei dati

La prima e più importante caratteristica che rende ReFS un file system resiliente, a differenza di NTFS, è la capacità integrata di rilevare accuratamente i danneggiamenti e correggerli senza riavviare il sistema. Fondamentalmente, ReFS può riparare automaticamente il danneggiamento dei dati, rendendolo alla pari con file system concorrenti come Btrfs e ZFS. Impiega qualcosa chiamato flussi di integrità che fondamentalmente analizzano i checksum per i metadati per rilevare con precisione l’errore.

A parte questo, ReFS viene fornito con l’integrazione di Spazi di archiviazione, che ripara automaticamente gli errori. A tale scopo, utilizza la copia alternativa dei dati con mirroring forniti da Spazi di archiviazione. Per non parlare del fatto che il disco o il volume possono essere in uso durante la correzione dell’errore, una funzionalità chiave offerta da ReFS. Quindi non è necessario riavviare il computer per eseguire lo strumento della riga di comando ” chkdsk ” per riparare gli errori del disco di Windows . In effetti, non è necessario eseguire alcuno strumento per la correzione degli errori in quanto ha una capacità di autoriparazione.

E nel caso in cui non ci sia una copia con mirroring dei dati corrotti, rimuove lo spazio dei nomi dall’area locale, ma garantisce di mantenere il volume online. Infine, in ReFS è presente uno scrubber che analizza periodicamente il volume, verifica la presenza di dati corrotti e li corregge.

Migliori prestazioni in alcuni carichi di lavoro

ReFS è stato introdotto per la prima volta su Windows Server 2012, quindi il funzionamento accelerato della Virtual Machine è una delle caratteristiche importanti del nuovo file system. Può migliorare significativamente le prestazioni dei carichi di lavoro virtualizzati utilizzando Block cloning e Sparse VDL . La clonazione dei blocchi consente al server di velocizzare le operazioni di copia, il che si traduce nella rapida unione dei checkpoint delle VM. Inoltre, Sparse VDL aiuta a creare dischi rigidi virtuali fissi (VHD) in pochi secondi. In effetti, dal punto di vista del consumatore, otterrai migliori prestazioni della VM in Hyper-V .

A parte questo, ReFS ha questa caratteristica unica che suddivide il volume in due livelli di archiviazione logici, ottimizzati per Performance o Capacity . Se vuoi scrivere rapidamente i dati sul disco, andranno al livello Performance e verranno spostati in modo efficiente al livello Capacity. Per i dati a cui si accede raramente, vengono trasferiti al livello di capacità.

Scalabilità

NTFS è stato sviluppato circa 30 anni fa e in quel momento la gestione di grandi insiemi di dati non era motivo di preoccupazione. Tuttavia, ora server e computer gestiscono regolarmente petabyte di dati, quindi Microsoft aveva bisogno di un file system scalabile e ReFS mira a fornire esattamente questo. Per darti un’idea, NTFS supporta una dimensione massima del file di 256 TB mentre ReFS può arrivare fino a 35 PB (35000 TB). Simili sono anche le cifre per le dimensioni del volume. E con ReFS versione 3.7 è stato implementato anche il supporto alla compressione del volume proprio come altri file system moderni.

ReFS sostituirà NTFS su Windows?

Dopo FAT e FAT32, da decenni conosciamo NTFS come file system predefinito su Windows. Con l’introduzione di ReFS nel 2012, le cose hanno iniziato a sembrare leggermente diverse e sembrava che il file system di “prossima generazione” stesse arrivando su Windows, ma ReFS era instabile per una versione consumer e falliva senza alcun avviso. Gli esperti hanno affermato che il recupero in uno scenario del genere può diventare molto difficile. A parte questo, il piccolo volume di ReFS si stava espandendo in una partizione ReFS a grandezza naturale nonostante i dati fossero statici. E in alcuni casi correggeva in modo inaffidabile gli errori dei file.

Microsoft ha aggiunto la più importante funzionalità di snapshot a livello di file con ReFS versione 3.7 ed è già disponibile su Windows Server 2022. Quindi NTFS sarà ancora in circolazione e dipende da Microsoft da quanto velocemente vorrà passare al suo nuovo file system.

Maggiori informazioni su Microsoft

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.