Consulenza informatica in marketing web, networking e computer

Non è possibile stampare dopo un aggiornamento di Windows 10

0 245

L’aggiornamento cumulativo di giugno 2020 doveva essere una patch importante per le persone che eseguono le due versioni più recenti di Windows 10, ma sembra che abbia introdotto nuovi bug in alcune configurazioni.

Sia l’aggiornamento di Windows 10 di novembre 2019 sia l’aggiornamento di Windows 10 di maggio 2020 hanno recentemente rilasciato una patch per correggere importanti e importanti problemi di sicurezza.

KB4557957 per Windows 10 versione 2004 e KB4560960 per Windows 10 versione 1909 stanno rompendo le stampanti. Questo è secondo diversi post su Reddit , sul sito Web Microsoft Answers e su altri forum.

Nello stesso thread, anche altri utenti hanno confermato che questo sembra essere un problema sia con KB4557957 sia con KB4560960 per Windows 10.

“Dopo questo aggiornamento, i documenti nella mia coda di stampa sono apparsi per un secondo poi sono scomparsi. La disinstallazione di questo aggiornamento ha risolto immediatamente il problema “, ha scritto un altro utente nel forum di Microsoft.

Il problema è che gli aggiornamenti di Windows 10 KB4557957 / KB4560960 stanno apparentemente causando gravi problemi principalmente per le stampanti Ricoh, ma anche con alcuni altri marchi tra cui Brother e Canon. In particolare, gli utenti hanno notato problemi durante la stampa dei loro documenti e anche la stabilità della connessione è compromessa.

Un tecnico di rete ha affermato che il driver PCL5 non funziona con Windows 10 dopo l’installazione dell’aggiornamento e l’età del driver non ha importanza. Le cose potrebbero migliorare se si installa la versione più recente di “driver universale” PCL6, ma come nota un utente, questo non è un approccio realistico per le aziende al servizio di centinaia di dispositivi.

Gli aggiornamenti sembrano essere un vero incubo per quelli con stampanti, che potrebbe essere costoso in termini di reputazione dell’azienda poiché il bug colpisce anche aziende e organizzazioni che utilizzano Windows 10.

Fortunatamente, Microsoft è a conoscenza dei rapporti e la società sta già lavorando su una soluzione, che potrebbe essere distribuita presto, secondo un post pubblicato dal consulente della comunità indipendente di Microsoft.

Tutto torna alla normalità dopo aver disinstallato l’aggiornamento cumulativo, cosa che puoi fare seguendo questi passaggi:

  • Apri Impostazioni.
  • Naviga su Aggiornamento e sicurezza> Windows Update.
  • Fai clic sul link “Visualizza cronologia aggiornamenti”.
  • Seleziona l’opzione “Disinstalla aggiornamento”.
  • Nel Pannello di controllo, selezionare il KB per evidenziarlo.
  • Fai clic su “Disinstalla” dopo aver evidenziato il pacchetto di aggiornamento.
  • Riavvia il sistema quando richiesto.

Se non riesci a disinstallare l’aggiornamento tramite le Impostazioni di Windows, puoi sempre rimuoverlo utilizzando il Prompt dei comandi.

Ad esempio, se si desidera disinstallare KB4560960, eseguire il comando seguente nel Prompt dei comandi:

wusa / uninstall / KB: 4560960 / quiet / promptrestart

locca la patch con Risoluzione dei problemi

Dovrai anche bloccare l’installazione dell’aggiornamento. Per bloccare il download e l’installazione della patch di June 2020 sul sistema, è necessario seguire questi passaggi:

  • Scaricare lo strumento di risoluzione dei problemi dall’Area download Microsoft
  • Esegui l’applicazione.
  • Fai clic su “Avanti” e consenti allo strumento di risoluzione dei problemi di controllare gli aggiornamenti.
  • Seleziona l’aggiornamento e bloccalo.

Se non vedi l’aggiornamento elencato nello strumento di risoluzione dei problemi, chiudi il programma e vai all’app Impostazioni e controlla di nuovo gli aggiornamenti.

Quando l’aggiornamento viene visualizzato in Windows Update, apri lo strumento di risoluzione dei problemi e seleziona manualmente la patch di cui vuoi impedire a Windows di installarsi di nuovo automaticamente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.